Editorial

Fodara Vedla

Fodara Vedla

South-Tyrol, Italy

Mettersi in cammino per raggiungere la malga Fodara Vedla è il dono che vorremmo promettere ai nostri figli ogni domenica d’autunno. Intersecando la prima Altavia, che attraversa le Dolomiti da Braies a Belluno, ci si trova a varcare boschi intatti, a divertirsi con la prima di neve di stagione, a stringere i denti sui sentieri più ripidi. La ricompensa per tutti sarà un pranzo di montagna di quelli genuini e prelibati, preparati e serviti dagli stessi discendenti del nonno Hans, fornaio di San Vigilio, che durante la Prima Guerra Mondiale, rilevò la baracca delle truppe austroungariche. La famiglia Mutschlechner pranzerà accanto a voi, ciarliera e affiatata, quando quasi tutti i viandanti avranno ripreso il proprio sentiero, il sole starà scomparendo dietro le cime e i vostri bambini staranno gustando beati gli ultimi sorsi di cioccolata e panna prima di rimettersi in cammino. Aperto da fine maggio a novembre.

Lu Focarò

Lu Focarò

Marche, Italy

A Torre di Palme, il primo giorno dell’anno, un ragazzo gentile ci fa accomodare in una sala dalle pareti blu. Le campane hanno da poco festeggiato le dodici, i rari turisti indugiano sul belvedere assolato, una signora con il grembiule stende fugacemente i panni nella brezza dell’Adriatico. I ricordi di questo indirizzo comprenderanno i vicoli che percorriamo a piedi per raggiungerlo e gli scampoli di mare tra le case centenarie. E poi, sicuramente, i tortellini fatti a mano, che arriveranno in un’antica zuppiera fiorata, le tovaglie bianche sui tavoli, che si animeranno lentamente di ospiti abituali, l’accoglienza intima e discreta, la carne alla griglia perfettamente salata e le erbe squisite. In fondo il nostro augurio per il nuovo anno è che sia così, come questa locanda ha scelto che sia ogni suo pranzo e sua ogni cena. Allegro, prezioso e pieno di grazia.

The Independente Suites and Terrace

The Independente Suites and Terrace

Lisbon, Portugal

Da qualunque luogo arrivi, una sorta di affinità elettiva è il primo dono che Lisbona mi fa. Anche oggi che appoggio la valigia di fronte alla folla di turisti che affollano il Jardim de S. Pedro de Alcantara, che registro il mio nome in un ingresso rosso lacca, che salgo al secondo piano dentro uno scrigno toile de joy (il più antico ascensore della città). Interni aristocratici e atmosfera delabré di una suite dove, in un’altra epoca e in un’altra vita, mi sarei forse fermata per cominciare a scrivere la mia storia.