Confiteria Bristol

Confiteria Bristol

Buenos Aires, Argentina

Set 2017

Un ragazzo e una ragazza passeggiano lungo via Esmeralda. È fine febbraio, e malgrado l'estate sia sul finire, l'aria di Buenos Aires è ancora torrida. Sono appena arrivati e il destino del giorno è quello di non avere alcuna meta.  La piccola Confiteria Bristol è l'indirizzo che non stanno cercando. La ragazza ordina due empanadas vegetariane, il ragazzo tre di carne, senza indugio. Di fronte alle vetrine bombate di questa pasticceria, che dal 1952 vive delle liturgie domestiche dell'alta borghesia locale, parlano con l'uomo al bancone, un peruviano che ha imparato le arti del mestiere da piccolo e con una distinta signora, che il pasticcere si affretta a presentare come fedele habitué e nipote del Presidente Avellaneda. Cosi, deliziosi fagotti di pasta friabile dall'orlo ondulato -che la ragazza, col tempo, imparerà a modellare con progressiva maestria- sono il main course di un pic-nic improvvisato su una panchina del breve parco di fronte al Palacio de Relationes Internationales.

Parole e foto Laura Taccari.