Oep ve Koep

Oep ve Koep

Paternoster, South Africa

Feb 2014

Quasi certamente ci arriverete da una mattina nel West Coast National Park, risalendo poche ore a nord ovest di Cape Town, avrete varcato il cancello del parco e guidato circondati a perdita d’occhio solo da una macchia di vegetazione bassa, dune bianche e uccelli, fino a raggiungere la Langebaan Lagoon dalle acque turchesi, battute dal vento fortissimo e calvacate da bande di windsurfer usciti da un sogno hippie. A quel punto varcare la porta del soffuso negozio Oep ve Koep e la seconda porta sul luminoso giardino interno sarà lasciarsi alle spalle il rumore dell’Oceano e prendersi una pausa vera e gourmand. Il negozietto è un bazar di souvenir locali, il più semplice e curato che conosciate: sacchetti di sale alle erbe, confetture nelle dispense, strofinacci di fine cotone e lino, porcellane e latte smaltate. Una dolce signora bionda, la mamma dello Chef Kobus, vi accompagnerà al vostro tavolo in giardino appunto e il giovane dolce biondo Kobus vi presenterà il menu del giorno, cucinerà per voi e vi servirà ogni suo piatto. Una focaccia con grani di sale grosso e pane fatti in casa sono custoditi in un sacco di iuta insieme a odori del giardino, rosmarino, salvia, fiori. Tovaglie africane dai colori accesi, ombrelloni bianchi, una vecchia barca di pescatori sbiadita dal sole come vasca fioraia, un’atmosfera semplice, genuina, a metà strada tra la campagna e il mare. I piatti sono dei piccoli capolavori e sempre una foglia o un fiore adorna o accoglie il cibo. Nella maniera più naturale del mondo, prima di ogni idea di cucina contemporanea.

facebook.com/oepvekoep

Grazie a Kobus van der Merwe, Sardines on Toast