Traveler’s Picks

Traveler’s Picks

by David Wright

Gen 2015

"Mi manca chiunque" ("La scopa del sistema", David Foster Wallace). Per David, regista e fotografo pluripremiato, chi è rimasto a casa è sempre anche nelle sue spedizioni: il Maine, MiMi, moglie e chef, Rosie, "un golden retriever intrappolato in un corpo di barboncino" (come recita la fan page di Rosie, curata da David). La risata generosa e che avvicina, riflesso di tutto il suo carattere. Oltremodo umano, timido e sociale insieme, ovvero il compagno di viaggio che andiamo cercando. Un'anima che si stupisce e condivide, dopo decenni di viaggi remoti e un curriculum difficile da contenere in un mappamondo. Ironia e soddisfazione, anche nelle disavventure e nella fatica dell'esplorazione. Abbiamo tenuto sottobraccio nella tundra del Russian Far East un uomo dotato di saggezza di terre, uomini e animali di questo mondo e allegra dichiarata inconsapevolezza di quanta altra bellezza si può incontrare insieme.  expeditionworkshops.com - Twitter @LunaSeaFilms - Instagram @planetearthpictures

In quale parte del mondo vorresti trovarti in questo momento chiudendo gli occhi?

Mi concedete di viaggiare nel tempo? Se avessi questa possibilità, ne farei buon uso. Sceglierei di trovarmi a tavola con alcuni buoni amici che abitavano nel distretto vinicolo di Victoria, Australia. Mandavano avanti una piccola vigna e fattoria dove io e mia moglie abbiamo trascorso molte serate felici mangiando cibo delizioso e bevendo uno dei vini migliori che abbia mai assaggiato. Questa regione, poco a nord di Melbourne, ha la fortuna di disporre dei migliori ingredienti che uno chef possa desiderare. Se a questo aggiungi un gruppo di amici meravigliosi hai un pasto perfetto e momenti indimenticabili. Consiglio a chiunque di visitare Melbourne e l'area vinicola circostante. Mi spiace Sydney, ma per me i ristoranti di Melbourne sono i migliori al mondo. La città poi ha una tale diversità etnica che puoi ordinare praticamente qualsiasi cosa ti venga in mente.

Il ristorante dove ti senti a casa

Questa è una domanda difficile perchè mia moglie è uno chef molto talentuoso e la sua cucina è difficile da superare. Siamo entrambe amanti del cibo, ma allo stesso tempo cerchiamo di nutrirci in modo etico, minimizzando il nostro impatto sul pianeta, quindi la nostra dieta è essenzialmente vegetale. La scelta del ristorante diventa perciò una sfida. Io amo ugualmente il cibo del sud-est asiatico e dell'India, quindi gravito attorno a ristoranti che servono questo genere di cibo. Ma onestamente non si trovano facilmente negli Stati Uniti perciò li prediligo quando sono in viaggio… Vi deluderò su questa domanda dicendovi che la mia scelta è un pasto con la famiglia e gli amici, che sia a casa nostra o in una delle loro, ma, se dovessi consigliare un ristorante, allora sarebbe Tasca nella cittadina di Ponte del Garda nelle Azzorre. Il caso ha voluto che mi cucinassero una deliziosa cena indiana, l'atmosfera e la location erano pazzesche e il nostro gruppo ha passato un momento speciale. Questo posto mi ha fatto sentire come se stessimo cenando a casa di un amico…

La camera d’albergo che ricordi con maggiore nostalgia

Ho viaggiato molto, ma girare documentari spesso significa alloggiare non esattamente in hotel di lusso o che il viaggiatore medio sceglierebbe. Ha i suoi vantaggi, ma significa anche dormire in location piuttosto estreme. Uno degli hotel più memorabili è Mario's nella città di Broken Hill, Australia (ora conosciuto come The Palace). Un hotel di minatori vittoriani, dove veniva mantenuto il buio per non infastidire la vista degli uomini che avevano trascorso tutto il giorno sottoterra, ma il proprietario ha passato anni a dipingere gli interni perchè assomigliassero alla Cappella Sistina. Qui è stato girato uno dei  classici, il film australiano Priscilla Queen of the Desert. Mi ricordo ancora la sensazione di svegliarsi e trovarsi davanti gli angeli dipinti sul soffitto in questa cittadina nell'Outback, conosciuta anche come set del film Mad Max. Nostalgicamente, devo citare anche una camera dell'Inn a Little St Simons Island, Georgia, negli USA. Lì ho conosciuto mia moglie, quando lei era lo chef dell'hotel. Abbiamo trascorso alcuni anni molto felici qui prima di trasferirci nel New England. Siamo tornati in diverse occasioni in questa gemma e l’amiamo ancora molto.

Il viaggio che potresti rifare e rifare senza annoiarti mai

Amo l'India e sono stato sufficientemente fortunato da visitare in lungo e in largo la parte meridionale del paese. é un luogo di estremi e contrasti, trovi il meglio e il peggio, dalla bellezza assoluta agli orrori più indescrivibili che una persona possa tollerare. In qualità di viaggiatore, incontri tutto, ma fortunatamente devi solo osservare il lato oscuro di questo continente. E i lati positivi compensano di gran lunga quelli negativi! Quindi non lasciatevi influenzare dalla mia opinione e visitate questo paese. Potrei tornarci continuamente per fare esperienza delle meraviglie naturali, della gentilezza e grazia del suo popolo, per il cibo, che è sempre un punto forte di ogni visita! Inoltre l'India è una festa per gli occhi, cosa che la rende un paradiso per un fotografo.

Il piatto che ultimamente ti ha stupito

Ho citato Tasca a Ponte Del Garda. Un ristorante portoghese non è propriamente il posto dove penseresti di andare per mangiare ottimo cibo indiano, e invece è nel loro menu. Ho assaggiato un meraviglioso curry di lenticchie, accompagnato da verdure fresche e un vino locale eccellente. Il ristorante serve anche piatti locali tipici che le persone con le quali stavo lavorando, un gruppo di 8 persone, hanno apprezzato. Abbiamo scelto ognuno cose differenti e siamo stati tutti soddisfatti delle nostre scelte. Penso che la chiave di tutto siano gli ingredienti, tutti freschi, di ottima qualità e preparati in modo salutare… nessuna materia prima industriale, solo ingredienti freschi.

Le vacanze della tua infanzia

É buffo ritornare con la mente alle vacanze dell'infanzia. Per molti anni i miei genitori riempivano il camper e ci portavano nello stesso campeggio ogni anno nel North Wales. Sembravano i preparativi per un viaggio in qualche terra esotica lontanissima, ma nella realtà guidavamo fino a un posto che distava normalmente tre o quattro ore da casa, ma il mio povero Papà era così terrorizzato dal rimorchio che prendeva delle strade secondarie e il tragitto durava un giorno intero, rendendo l'esperienza molto peggiore di quanto avrebbe potuto essere. Ciononostante, ho numerosi ricordi bellissimi delle scampagnate, della pesca e del tempo trascorso con mio padre e di come ho iniziato a imparare a usare la macchina fotografica, che mi ha portato a una sorprendente carriera. Per fortuna sono seguiti viaggi più esotici, ma stranamente amerei attraversare ancora una volta il Wales.

Se un bambino ti chiedesse "portami in viaggio", dove lo porteresti?

Ho avuto la grande fortuna di visitare l'Australia da costa a costa ed è un paese prospero grazie alla spettacolare e unica natura selvatica e al benvenuto speciale che ricevi sempre. L'area dell'Outback ti porta indietro nel tempo e per un bambino sarebbe un'esperienza fantastica vedere un mondo dove l'impatto umano è minore. (Ma devo aggiungere, andateci in fretta, perchè per quello che so l'Asutralia sta cambiando molto, a causa della mancanza di intervento dello Stato a sostegno delle preoccupazioni per le minacce ambientali, quali il cambiamento climatico).

Potendo sognare, dove inviteresti tutti per festeggiare?

In passato mia moglie MiMi è potuta venire con me in molti dei luoghi che ho girato per lavoro. Tristemente l'industria televisiva è cambiata molto e ora raramente riusciamo a trascorrere sul campo lo stesso tempo di una volta. Negli anni più recenti, questo ha reso difficile portarla con me. Quando è lei a viaggiare e a lasciarmi a casa, è difficile trovarsi nella parte di chi rimane, perciò apprezzo davvero molto la sua pazienza quando ritorno da un lavoro lontano e la intrattengo con le storie delle mie avventure che lei riesce a condividere solo raramente. In conclusione se mi chiedete di esprimere un desiderio riguardo a dove festeggiare, il mio desiderio sarebbe di portarla con me in uno di quei luoghi che ho avuto la fortuna di vedere ma non di condividere con lei. Credo che sceglierei una colazione a base di champagne per il mio compleanno con vista sulle cascate del fiume King George nella regione di Kimberley in Australia. L'energia dell'acqua e la vista infinita ti fanno sentire vivo.

Una vista indimenticabile

Ho avuto la fortuna di lavorare in oltre cinquanta paesi e vedere alcune delle meraviglie del mondo in tutti i setti continenti. E’ difficile scegliere tra la vista dalle spettacolari cascate della Guyana e l'alba sulle pozze in Sri Lanka con branchi di elefanti durante il loro bagno mattutino, ma, se mi chiedete di fare una scelta, credo siano le spiagge della South Georgia (e non le spiagge della South Georgia degli Stati Uniti, per quanto siano fantastiche) come Gold Harbor o Salibsury Plain. Vedere, sentire e odorare centinaia di migliaia di pinguini reali, accompagnati da elefanti marini, lontre marine e tutte quelle specie di uccelli diversi è davvero incredibile. Le montagne circostanti sono una cornice difficile da descrivere. La grandezza di questa esperienza e del luogo può essere compresa solo da coloro che hanno avuto la fortuna di visitarlo.

Un posto che vorresti avere sempre dietro l’angolo

Benchè io ami la South Georgia e desideri tornarci per fotografare i suoi animali selvatici e il paesaggio, il luogo che vorrei avere più vicino è l'Australia. Amo la terra, la fauna, le foreste, ma più di ogni cosa ho stretto delle amicizie lì che so essere le più importanti della mia vita. Per quanto la wildlife mi chiami come fotografo e filmmaker, questi legami sono più importanti e le connessioni di questo tipo fanno sì che il viaggio valga la pena. Mia moglie MiMi ed io sentiamo di avere un’intera seconda famiglia in Australia, molti di loro purtroppo non sono più con noi, ma quella connessione non sembra mai indebolirsi.