Al Mercato

Al Mercato

Milan, Italy

Al Mercato si fa notare in un modo tutto suo. Non ha insegne che portano il suo nome, solo grandi posate fatte a neon e una lunghissima coda di persone in attesa di un tavolino al Burger Bar, che occupa una delle due stanze del locale. Nellai??i??altra, piA? silenziosa e intima, il ristorante offre cucina creativa pregiata. Per il Burger Bar non si accettano prenotazioni, vi consigliamo di arrivare molto, molto presto, sia a pranzo che a cena. Fanno burger supremi, ma anche tanto ai???fine street foodai???. Beniamino ed Eugenio portano l’alta cucina nei piatti del mondo. Servono portate super gustose e porzioni “virili” in piatti-capolavoro per gli occhi e il palato. La grande cucina A? a vista e vorremmo ribattezzarla Heaven’s Kitchen, perchA? i due giovani chef e il loro team sembrano divertirsi davvero e mescolarsi ai commensali come in una festa. Siamo in Europa, la musica A? giusta, poi dici “peccato solo per la tv”, ma quando capisci che manda un film d’annata super trash sorridi ancora. Un posto fuori dal comune. Molto presto Al Mercato sarAi?? anche in Viale Bligny.

Nomi di fantasia

Nomi di fantasia

Western Cape, South Africa

CittAi?? del Capo A? un luogo senza riferimenti, non A? affatto una cittAi??, A? una salita per Table Mountain, A? un accesso allai??i??oceano freddissimo, A? un luogo di ritorno da mondi diversi, come solo nei sogni si possono vivere in sequenza le avventure piA? disparate…

SLOW CLUB

SLOW CLUB

San Francisco, USA

Quando il menA? comincia con Homemade Granola ii???mi sentiamo al sicuro. Come allo Slow Club, che si autodefinisce un ristorante casual di quartiere. Approvvigionamenti dalle fattorie e dai ranch fuori cittAi??, porzioni piA? che generose, allegria diffusa. Dalla colazione al drink, in un angolo quieto di Mission.

Roma

Roma

by Sigrid Verbert

Sigrid ama il vintage, la risata della sua bambina, l’odore della salsa di pomodoro la domenica mattina e le magliette dei pescatori bretoni millerighe. Si A? appena trasferita a New York, dopo dieci anni a Roma. Il suo Cavoletto di Bruxelles A? uno dei blog di cucina piA? seguiti.

Roma

Roma

by Caterina Gatta

Caterina A? una delle giovani promesse della moda italiana. I suoi abiti, che portano il suo nome, sono realizzati con tessuti pregiati delle piA? importanti case di moda, recuperati da negozi di tessuti. Una giostra di colori e stampe bellissime. Vive e lavora a Roma.

La Locanda di Villa Toscana

La Locanda di Villa Toscana

Tuscany, Italy

Un palazzo appena fuori le mura del paese, poche camere arredate dalla proprietaria interior designer. Note shabby chic e devozione per il rustico. La colazione A? speciale, servita su un tavolo comune con porcellane bianche e tovaglie di lino.

Le Studio 22

Le Studio 22

Paris, France

Le Studio 22 diventerAi?? con molta probabilitAi?? il vostro indirizzo segreto a Parigi. Un ai???one room hotelai??? nel Marais, curato, accogliente e fully equipped. Marie, designer e art-lover, non solo vi metterAi?? a vostra completa disposizione il suo grazioso pied-Ai??-terre, ma vi saprAi?? consigliare un tour inedito e aggiornato delle gallerie dai??i??arte e delle mostre in cittAi??.

the white house daylesford

the white house daylesford

Victoria, Australia

Una casa bianca che vi incanterAi?? con i suoi interni caldi e poetici. Nelle stanze troverete mura Toile de Jouy, tinte tortora pallido o soffitti spioventi di legno bianco. E tappeti di pelliccia, lampade perfette, pleid soffici, lenzuola in lino, di confezione artigianale. Molto piA? affine a una casa da rivista patinata che ad un hotel, The White House Daylesford, siamo certi, saprAi?? ispirarvi anche semplicemente da qui.

Radice Tonda

Radice Tonda

Milan, Italy

Cucina vegana ortodossa, salutista e ovviamente bio. Il nostro sandwich preferito A? composto da pane ai cereali, seitan e crema di tofu. Ma ci sono anche zuppe, verdure stufate, sformati, piadine light e torte del giorno, anche prive di glutine. Dalla colazione alla cena, dietro Corso Buenos Aires.

La Pineta

La Pineta

Tuscany, Italy

Ai passanti inconsapevoli appare come un balneare con ristorante come tanti, ma chi lo conosce sarebbe disposto ad arrivare qui anche da molto lontano. A Luciano Zazzeri e al suo ristorante La Pineta viene ormai riconosciuto il valore assoluto della leggenda. Atmosfera che richiama la vita spartana del mare e cucina eccelsa. Da non perdere, il misto di crudi, spaghetti con polipo e capperi, padellata di crostacei con sale grosso aromatizzato al rosmarino. Tra i dolci, millefoglie sbriciolato ai lamponi e flan di cioccolato bianco allai??i??arancia. In inverno vi consigliamo il pranzo, in estate, una cena sotto il pergolato. Magica.

SUMIRE

SUMIRE

Milan, Italy

I giapponesi che affollano i tavoli di questo piccolo ristorante in Brera, sono la conferma del fatto che state per assaggiare piatti tradizionali e sushi di livello. Sumire (che vuol dire “violetta”) A? un ottimo indirizzo per gli amanti della cucina nipponica autentica. Il loro motto A? “Buon pasto per i nostri clienti”.

Axe

Axe

Los Angeles, USA

Axe A? l’Oceano indietreggiato di una strada. Le cameriere hanno le spalle muscolose del surf, le trecce bionde spettinate dal sale, jeans e scarpe estive. La cucina A? fresca, ampiamente vegetariana, le porzioni generose. Il cortile sul retro ha un barbecue, un lungo tavolo di legno da condividere all’ombra di ulivi e piante di fico. La sala interna unica A? chiara, rilassante, mai troppo rumorosa. Acque aromatizzate alla menta, all’arancia, allo zenzero. Famiglie giovani con bimbi biondi sulle lunghe panche moderne.

Londra

Londra

by Gnam Box

Gnam Box A? un social foodie project nato nel 2012. Stefano e Riccardo invitano nella loro cucina, simbolo di incontro e convivialitAi??, persone differenti, provenienti dai mondi piA? diversi, dalla moda al design, dallai??i??editoria allai??i??arte, dando loro la possibilitAi?? di svelarsi, tenendo il cibo come unico e imprescindibile filo conduttore. A Gnam Box piace osservare e raccontare gli ospiti attraverso le loro abitudini alimentari, i loro ingredienti preferiti e i piatti che amano cucinare.

CRAFT HOTEL

CRAFT HOTEL

Buenos Aires, Argentina

Hip hotel nel quartiere Palermo. Arredi semplici e pareti dai toni sgargianti, a partire dal rosso lacca dellai??i??esterno. E una vasca sul tetto che fa nuotare il cielo.

Temakinho

Temakinho

Milan, Italy

Un secolo fa con i giapponesi A? arrivato in Brasile anche il sushi, che si A? facilmente adattato ai gusti di un paese dal clima caldo. CosAi?? nasce la temakeria con i suoi temaki e roll, fatti semplicemente di alga nori, riso e pesce freschissimo, crudo o cotto. La cosa speciale di un sushi da Temakinho A? un sapore e uno spirito tropicale in un pasto tipicamente orientale. Impossibile non ordinare un bicchiere ghiacciato di caipirinha alla polpa fresca di frutta esotica. Il locale, minuscolo, con affaccio sul Naviglio Grande, si ispira al villaggio coloniale portoghese di Paraty, Rio de Janeiro. Prenotazione obbligatoria. Da febbraio Temakinho A? anche in Corso Garibaldi.