Grythyttan Inn

Grythyttan Inn

Grythyttan, Sweden

Lug 2014

Da tempo ci stavi aspettando. Sono le otto della sera e il sole è ancora alto. Sei un piccolo mondo di case di legno bordeaux e bianco nato 374 anni fa su una terra di foreste e laghi che chiamano Svezia. Grythyttan Inn, finalmente siamo qui, e con nitido stupore girovaghiamo tra le tue stanze e ci affacciamo sui tuoi giardini. Nel tuo cortile due giovani sposi stasera festeggiano la loro promessa. Tutte le tue stanze hanno un nome e una storia appesa sulla porta azzurro cielo o pastello diafano. La nostra si chiama Easter. Eccelsa la cena che ci hai preparato, sorprendente quel vino fruttato dell'Oregon, insolito il dopocena nel salotto aristocratico. Quando saliamo in camera il cielo è ancora celeste e la musica della festa ancora alta. Ci addormentiamo e ci svegliamo nella luce di un sole che sembra essere in modalità Pause. La tua colazione svedese esaudisce ogni nostro desiderio. Qualcuno in sala suona il piano. Una melodia gentile, come quella di un carillon, che arriva nel cortile e si mescola col tintinnio delle posate e le parole pacate. Una melodia che, siamo certi, in questa lunga notte di festa gli hai sussurato.

grythyttan.com

 

Testo e foto Laura Taccari

Traduzione Raffaella De Tommasi