Kisima Ngeda Tented Camp

Kisima Ngeda Tented Camp

Tanzania, Africa

Dic 2015

Partirete all'alba da Arusha, prima che la città diventi impenetrabile per il traffico e osserverete per quattro ore dal finestrino della vostra vecchia landy la Tanzania che scorre sul ciglio di una strada, la terra battuta bruciata, le divise accese degli scolari, le bande di moto-taxi lucidi in attesa del prossimo cliente. Attraverserete tutte le grandi distese, dove giovani uomini Masai pascolano il loro bestiame e la terra si farà via via più secca. Lake Eyasi sarà l'oasi dove riposerete il vostro sguardo, oltre le piantagioni assolate di cipolle rosse  -il vanto e l'economia delle famiglie dell'area- , oltre il groviglio di grattacieli di palme che conduce dopo il villaggio al campo tendato Kisima Ngeda. Semplice, vero, tropicale. C'è una roccia da scalare al tramonto, per godere della luce morbida d'inizio estate diffondersi sulla foresta di acacie, c'è il lago di tilapie con acqua di sorgente, c'è l'avamposto di legno sull'albero per guardare lontano i pastori Wadatoga diligenti al fianco di mucche e capre su un lago riarso, fino alla lunga linea mozzafiato della Rift Valley. C'è una cucina locale deliziosa e generosa alla fine di ogni giorno. E ci sono le ultime tribù di Tanzania, gli Hadzabe raccoglitori-cacciatori, sulla scia dei quali inseguire prede con arco e frecce avvelenate, tra maestosi baobab in fiore che profumano di magnolie e bacche speziate buone da mangiare. 

kisimangeda.com

Parole e foto Paola Corini.