"Parigi"

Traveler’s Picks

Traveler’s Picks

by Evelyn and Ike Ikrath

Evelyn frequenta la scuola alberghiera, Ike studia architettura. Seguono per entrambi anni in giro per il mondo. Quando s’ incontrano Evelyn è un’albergatrice, Ike avanguardista. Nasce un grande amore e il piccolo Casimir. Evelyn e Ike amano lo spirito urbano, l’autenticità, lo scambio d’idee, la conquista delle vette, lo yoga, il cibo biologico, l’AVEDA Spa, l’accoglienza di design, ma sempre con vista mozzafiato. I loro hotel, Haus Hirt, Hotel Miramonte e Alpenlofts sono come case private, salotti moderni. In una frase “Inspiring places for creative minds”. Sono inoltre co-ideatori di tante iniziative a Bad Gastein, come festival d’arte, di musica e di cinema.

Traveler’s Picks

Traveler’s Picks

by Loukoko

“Una ragazza, una tastiera, un computer”. Autrice, compositrice, intrattenitrice. Stile musicale: electro Hip Chillwave Hope. Influenze: James Blake, FKA Twigs, Flume, Lee Mose, Mos Def, Ratatat, Angel haze, Bobby “blue” Bland, Weiss, Disclosure, Georg Friedrich Haendel.

Traveler’s Picks

Traveler’s Picks

by Jean-Christophe Lalanne

Nato a Marmande (vicino a Bordeaux) nel 1964, un tempo insegnante di tennis, Jean-Christophe inizia la sua carriera nella moda a Parigi nel 1992 e ancora oggi lavora nel fashion management. Alcuni anni fa’, assieme a François, Jean-Christophe acquista un grande e tranquillo pezzo di terra in Portogallo e costruisce Villa Extramuros, un rifugio moderno nella campagna dell’Alentejo. Jean-Christophe e François se ne prendono cura eccelsamente, oltre a prendersi cura dei quattro stupendi gatti di casa Mr Toto, Ms Lulu, Mr Riri e Ms Mila.

Nanashi

Nanashi

Paris, France

Siamo nell’Haut Marais, è l’ora della colazione e costeggiando una via stretta, verso uno dei nostri café preferiti della città (Café Pinson), prima l’azzurro acqua marina brillante del negozio d’angolo, poi il profumo fresco e aromatico di riso ed erbe orientali (lemongrass, gelsomino, forse sesamo), ci portano con il naso sulle grandi vetrate a scoprire i preparativi di deliziosi bento parigini e decidiamo che, ovunque la nostra giornata ci porterà, torneremo qui per il pranzo, oggi e spesso…

Kunitoraya

Kunitoraya

Paris, France

Non è un segreto che a pochi isolati dal Louvre inizi quel profumo inebriante di vapori asiatici che ti trascina nella piccola Tokyo parigina di Rue Saint-Anne e che molti offrano un pasto veloce, pittoresco e gustoso. Ma c’è un posto unico al numero 5 di Rue Villedo, elegantissimo e perfetto nella luce del giorno, da prendere molto slow con una persona speciale. Una sala lunga e stretta, una perfetta simmetria di specchi, boiserie, sedute, come in un raffinato e minuto vagone-ristorante di un treno d’inizio secolo, con l’orologio tondo antico a parete. Servono parallelepipedi in veste di delicati onigiri al salmone: l’alga nera, il riso bianco, il rosa pacato del pesce dichiarano tutta l’estetica e la cura nipponica. Fumano zuppiere alte di tradizionali spaghetti giapponesi bollenti, lunghissimi e tirati a mano: è il tempio degli udon. Ma ogni piatto del menu è una delizia, anche il dolce sorbetto alla pesca.

CAFé PINSON

CAFé PINSON

Paris, France

La colazione per Meraviglia è un rito quotidiano e, a casa o fuori casa, assume la regalità di un pasto prelibato. Una variante fantastica è quella al Café Pinson con una fila indiana di piccole madeleine al pistacchio fatte in casa, accompagnate da una centrifuga di frutta o un bicchiere alto di latte di mandorla. Il café è un tempio del detox – superfood (Kale, spirulina, germogli), raw food (raw cacao), organic food, home-made food – ma l’atmosfera è quella super contemporanea di un bar di Copenhagen con Wi-Fi, divani comodi, musica ispirata, dove prendersi tutto il tempo necessario.

Traveler’s Picks

Traveler’s Picks

by Pauline Chardin

Sono una designer e trend consultant francese, che nella sua perenne ricerca d’ispirazione ha deciso di viaggiare quanto più possibile. Viaggio quasi sempre con mio marito, a volte contro la sua volontà, e spesso senza che lui sappia esattamente dove stiamo andando. In genere cerco di cogliere ogni opportunità per fare foto, disegnare, cucinare, fare yoga, fare una battuta, nuotare, cucire e leggere un articolo sulla ceramica. Non canto e non guido ancora, ma chissà, forse comincerò un giorno”.

Traveler’s Picks

Traveler’s Picks

by Rachael Antony

Ex-giornalista freelance per riviste come Vogue Living, COLORS, Wallpaper* Magazine, Rachael ha lavorato alla Lonely Planet nella sezione publishing, Tv e online video, prima di co-fondare Hotels We Love, un sito di viaggi per creativi…

Traveler’s Picks

Traveler’s Picks

by Kobus van der Merwe

Poetico, delicatamente ardito, chef Kobus serve le stagioni nel piatto. Giureresti che i suoi paesaggi e le sue latitudini siano di un bosco dell’Europa del Nord, invece Kobus vive in un villaggio di pescatori sulla West Coast del Sudafrica nel Sud del mondo. E il suo neobistrot è un piccolo giardino insieme selvaggio e sincero -proprio come lui- al quale si accede dal retrobottega della piccola drogheria di famiglia…

Londra

Londra

by Serge Dive

Serge ci piace, come ci piacciono tutte le persone che dedicano il proprio talento e la propria creatività al viaggio e che condividono con noi questo amore. Fondatore di Beyond Luxury Media, compagnia che si occupa di high-end travel e di eventi come Pure Life Experiences e LE Miami, è considerato una delle menti più brillanti e influenti del settore.

IL MONDO

IL MONDO

by David Beltran e Federica Marziale

David nasce in Colombia poco dopo il suo fratello gemello. Federica nasce in Italia con un ritardo di diciassette giorni. A Lui piace svegliarsi con il sole in faccia, a Lei piace la brioche al mirtillo…

Parigi

Parigi

by Sébastien Siraudeau

Sébastien è scrittore e fotografo. I suoi libri e i suoi articoli sono viaggi indimenticabili alla ricerca di luoghi e oggetti fuori da questo tempo. La Francia dei brocante, dei paesini remoti, dei marché aux puces i suoi soggetti prediletti.

Paris New York

Paris New York

Paris, France

Dopo aver attraversato gli Stati Uniti per 5000 km, dal confine messicano al Canada, e dopo aver mangiato burger indimenticabili, Rudy Guenaire è rientrato a Parigi con l’ardente desiderio di aprire l’hamburgeria più rinomata della città. Ha impiegato mesi per selezionare il miglior cheddar, il miglior caffè, le migliori birre, il migliore forno (à la flamme). Il risultato è a sua volta un viaggio, Paris New York, “hamburger de qualité”.

Hôtel Amour

Hôtel Amour

Paris, France

Pensavamo che Amour fosse un marchio registrato della cittá di Parigi e invece un hotel se ne è appropriato. Ha un giardino interno lussurreggiante, dove bere té senza guardare l’orologio. Le cameriere sono ancelle di cupido, che confezionano burro salato in monoporzioni di porcellana. Domina il colore rosso rubino, mai scontato. Il bar e il ristorante sono aperti agli ospiti esterni, che affollano l’hotel dal tramonto e nei giorni di festa. 20 stanze eccentriche. A sud di Pigalle, nono arrondissement.

Le Citizen

Le Citizen

Paris, France

Le città sui canali hanno tutte una magia e anche Parigi ha il suo: Canal Saint Martin, costruito da Napoleone per portare acqua potabile ai parigini. 4,5 km in bicicletta lungo gli argini al riparo delle fronde degli alberi, gambe a penzoloni sull’acqua con un bicchiere di Merlot la domenica, come a dire l’estate tutto l’anno a Parigi. Le Citizen è un piccolo hotel sul Canale: essenziale, fresco, eco responsabile, tecnologico, a prezzi equi. Con tutto il fascino del naviglio.

1 of 2
12